unnamed (2)

Ritratto della famiglia P. Olio su tela, 120×180 cm, 2010

Bari 1983. Talento naturale, ha frequentato l’accademia di Belle Arti a Roma ma si considera un autodidatta: “All’accademia non si impara nulla”. A dimostrarne la dimensione internazionale basta ricordare dove si svolse la sua prima mostra personale (Parigi, rue Saint-Honoré, Galerie 91), dove si trova il suo più importante collezionista privato (Anversa), chi ha acquisito nel 2013 il suo quadro dedicato all’enciclica “Casti connubii” (l’Unesco). Le 18 pale d’altare (più altrettante cimase e due teleri) della monumentale chiesa aquilana di San Giuseppe Artigiano costituiscono il più grande ciclo pittorico religioso realizzato in Italia negli ultimi anni. Vive ad Adelfia.

Giovane valentissimo con una carica di passione e di vitalità che lo ha portato a dipingere 18 pale, prove di un impegno formidabile. Per San Giuseppe Artigiano la scelta di un autore figurativo è la prova di una visione liturgica ed estetica in ordine agli scritti di Papa Benedetto XVI che indicano in modo molto chiaro quale debba essere la funzione delle opere d’arte in una chiesa: una funzione eminentemente liturgica.
– Vittorio Sgarbi –

unnamed

Ritratto di Giuseppe Gasparro – Vanitas. Olio su tela, 80×100 cm, 2007

unnamed (1)

Ritratto di Andrea Provvisionato. Olio su tela, 90×70 cm, 2014

unnamed (3)

Ritratto del marchese Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona.  Olio su tela, 70×90 cm, 2014